PRESSIONI COMMERCIALI E FUSIONI AL CENTRO DEL CDC FABI

A Roma la riunione del Comitato direttivo centrale della Federazione. Si è discusso della vendita dei prodotti finanziari con le ricadute sui lavoratori e sulla clientela, delle fusioni tra banche, dello smart working e nuove tecnologie

PRESSIONI COMMERCIALI E FUSIONI AL CENTRO DEL CDC FABI

La situazione e le prospettive del settore bancario italiano. Le possibili fusioni e le prossime mosse di alcuni grandi gruppi creditizi del Paese. Lo smart working e le nuove tecnologie, la gestione della pandemia, la tassazione degli esodati. Sono gli argomenti affrontati oggi durante il Comitato direttivo centrale della Fabi riunito a Roma nel rispetto delle norme a tutela della sicurezza e della salute definite per contrastare il Covid. La riunione è stata aperta da una lunga relazione del segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, a cui hanno fatto seguito numerosi interventi dei membri del Cdc. Tra gli argomenti affrontati anche le pressioni commerciali indebite e le relative ricadute sia sulle lavoratrici e i lavoratori sia sulla clientela. E poi i rapporti tra la politica e la finanza.

Roma, 28 luglio 2021

Questa voce è stata pubblicata in Fabi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *