«CON PATUELLI FIRMATO CONTRATTO FONDAMENTALE PER SETTORE BANCARIO»

«CON PATUELLI FIRMATO CONTRATTO FONDAMENTALE PER SETTORE BANCARIO»

Il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, commenta l’elezione del presidente Abi

«CON PATUELLI FIRMATO CONTRATTO FONDAMENTALE PER SETTORE BANCARIO»

Il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, commenta l’elezione del presidente Abi

 

 

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

COMUNICATO STAMPA

ABI: SILEONI, CON PATUELLI FIRMATO CONTRATTO FONDAMENTALE PER SETTORE BANCARIO

 

Roma, 10 luglio 2020. «Auguriamo buon lavoro al presidente Antonio Patuelli per questi ulteriori due anni alla guida dell’Abi. Con lui, con l’intero Casl e con il suo presidente Salvatore Poloni, il sindacato unitario ha sottoscritto, lo scorso dicembre, un importante contratto collettivo, fondamentale per il settore bancario, in un momento non facile per la categoria e in anticipo rispetto all’emergenza Coronavirus, durante la quale sarebbe stato complesso, se non impossibile, arrivare alla chiusura del negoziato e, soprattutto, a un rinnovo così positivo. Anche grazie al nuovo contratto, il settore può ora guardare e affrontare con serenità le sfide che sono alle porte, le trasformazioni e i riassetti». Lo dichiara il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, commentando il rinnovo, per altri due anni, del mandato del presidente dell’Abi, Antonio Patuelli. Secondo Sileoni «nel prossimo biennio ci sono le condizioni per proseguire con il presidente Patuelli, pur nel rispetto dei ruoli, che talora ci hanno visto su posizioni contrapposte, il buon lavoro fatto finora. L’industria bancaria, anche grazie allo sforzo quotidiano delle lavoratrici e dei lavoratori, è oggi all’avanguardia rispetto ad altri paesi europei ed è in grado di guardare con fiducia al futuro, nell’interesse dei territori, della clientela e degli stessi dipendenti. Nei suoi precedenti mandati, il presidente Patuelli ha sempre mostrato, assieme a significative dosi di equilibrio e lungimiranza, attenzione al lavoro, alle lavoratrici e ai lavoratori, anche sottolineando l’importanza di tutti gli strumenti, come il Fondo per l’occupazione e il Fondo esuberi, creati da Abi e sindacati, per gestire le ristrutturazioni, le fusioni e le crisi del settore bancario».

Questa voce è stata pubblicata in Fabi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *